Monitoraggio vibrazione siti - Sequoia
626
page-template-default,page,page-id-626,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.5,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Monitoraggio vibrazione siti

Uno degli ambiti in cui il monitoraggio vibrazionale è più utilizzato in ambito civile è durante i lavori di costruzione di opere civili in genere. La definizione di cosa monitorare e di come effettuare il monitoraggio è altamente complessa. Vanno infatti presi in considerazione più fattori:

  • Il monitoraggio può essere effettuato sia sulle strutture dell’opera in costruzione , soprattutto per monitorare il possibile danno strutturale e prevenire eventuali cedimenti nelle strutture o edifici adiacenti. In quest’ultimo caso diventa molto importante definire la destinazione d’uso degli edifici. Edifici storici e/o monumenti è più opportuno che vengano monitorati al fine di valutare possibili danni strutturali, edifici a uso residenziale vengono invece monitorati per valutare il possibile disturbo causato agli abitanti dalle vibrazioni.
  • Il monitoraggio può o deve essere effettuato in maniera continua e permanente soprattutto se si tratta di valutare il possibile danno strutturale o, in alternativa, con misure spot, anche di breve durata, se si tratta di valutare il possibile disturbo. In quest’ultimo caso è opportuno definire momenti significativi della fase di costruzione, tipicamente pre, durante e post opera di costruzione.
  • Le reti di sensori possono essere di diversa tipologia. In alcuni casi può essere sufficiente monitorare un edificio con un singolo sensore in un punto caratteristico, se si tratta di valutare il disturbo mentre per edifici di grande elevazione , per la valutazione del possibile danno strutturale, è necessario disporre più sensori sullo stesso edifcio, per lo meno nei punti più significativi quali fondazioni e ultimo piano.
  • Il sistema deve essere in grado gestire limiti di accettabilità delle vibrazioni diverse a seconda del punto o del tipo di struttura su cui i sensori sono installati.

La definzione di un sistema di monitoraggio adeguato non è quindi univoca e può variare nel tempo durante le diverse fasi dell’opera. Il sistema GEA è stato progettato in modo altamente flessibile sia a livello hardware che software per essere impiegato nelle diverse situazioni. La sua flessibilità inoltre garantisce al gestore del sistema di monitoraggio il facile adeguamento della configurazione durante le varie fasi della costruzione minimizzando i costi di adeguamento sia hadware che software.