Ricerca e Brevetti - Sequoia
1341
page-template-default,page,page-id-1341,page-child,parent-pageid-8,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.5,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Ricerca e Brevetti

PROGETTO ROTOKITE
Rotokite paper

Link to Project Details

L’utilizzo di kites pilotati per sfruttare l’energia del vento in quota è oggetto di molte ricerche.
Quanto proposto è, però, profondamente innovativo rispetto alle tecnologie in via di sperimentazione poiché fa ricorso ad una inedita forma di profilo aerodinamico che ruota su se stesso.
Il ricorso al principio di rotazione semplifica radicalmente la difficile problematica del controllo di volo dei kites ed elimina le difficoltà tecniche legate alla lunghezza dei cavi, permettendo la produzione di energia eolica a bassissimo costo.

La rotazione dei profili aerodinamici ultraleggeri attorno al proprio asse emula le prestazioni di un’elica e ottimizza la captazione del vento nell’area di rotazione generando una forza di trazione sul cavo di vincolo, che aziona per srotolamento la puleggia di un generatore posto a terra.
Durante la fase di trazione i profili aerodinamici ruotano e modificano il proprio assetto in funzione della posizione angolare, in modo da creare sia la forza di trazione sul cavo collegato al generatore sia una componente di portanza che mantiene il sistema in quota.
Raggiunta la quota prestabilita si interrompe la fase di trazione ed inizia una veloce fase di recupero con chiusura dei profili, fino alla quota di inizio ciclo.
Per rendere continua la produzione di energia, che si interrompe durante la fase di recupero, sono necessarie due o più unità che funzionino in modo alterno.
L’estrema leggerezza del sistema consente di immaginare un piccolo pallone aerostatico che lo mantenga in quota anche in assenza di vento, limitando al massimo l’impatto con il territorio e permettendone l’utilizzo su piattaforme galleggianti anche in acque profonde.
Non vi è conflitto fra l’utilizzo di generatori eolici in quota ed il traffico aereo poiché non vi sono difficoltà ad individuare parchi eolici mediante l’uso dei GPS installati a bordo degli aerei.